images1

Articles

Main Content

Il ruolo dei muscoli nella stabilizzazione della colonna vertebrale nell’ambito della riabilitazione della scoliosi

In materia di esercizi specifici per la scoliosi, esistono due diverse linee di pensiero a riguardo del rafforzamento della muscolatura indebolita per contribuire alla stabilizzazione della colonna vertebrale. Da un lato, si sostiene che solo i muscoli posturali profondi del busto, direttamente collegati alla colonna vertebrale, debbano essere attivati; dall’altro, si pensa che sia importante attivare tanto i muscoli posturali profondi, quanto quelli più superficiali che si collegano alleestremità superiore e inferiore della colonna vertebrale.

Uno studio di ricerca pubblicato dallo Spine Journal nel 2004, dal titolo Determining the Stabilizing Role of Individual Torso Muscles During Rehabilitation Exercises (Determinazione del ruolo di stabilizzazione di singoli muscoli del busto durante gli esercizi di riabilitazione) ha analizzato singoli muscoli lombari al fine di valutare il loro potenziale ruolo di stabilizzazione, attraverso il confronto e la registrazione dell’attività elettromiografica (EMG) prodotta da muscoli scheletrici diversi, sia a livelli profondi che superficiali della colonna vertebrale.

I risultati di tale studio hanno mostrato che la stabilità spinale non è dominata da nessuno specifico gruppo di muscoli della colonna. È stato invece osservato che tutti i muscoli della colonna vertebrale modificavano in modo dinamico il proprio grado di sostegno della colonna stessa in base al modo in cui i movimenti del corpo alteravano la posizione di quest’ultimo, a sua volta controllata dal sistema nervoso.
stt

Sulla base di queste osservazioni, è stato concluso che la migliore strategia per migliorare gli schemi motori dei muscoli della colonna vertebrale al fine di promuovere la stabilità di quest’ultima sia di attivare i numerosi muscoli coinvolti nei movimenti piuttosto che mirare a una quantità ristretta di muscoli posturali profondi.

Ciò supporta l’opinione di lunga data a sostegno del Metodo Schroth Method secondo la quale un approccio al corpo nel suo complesso sia più efficace per la riabilitazione rispetto a uno che si concentri esclusivamente su un’unica zona della colonna vertebrale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Health on your hand