images1

Articles

La colonna vertebrale immatura: crescita e scoliosi idiopatica

Autori: Alain Dimeglio, Federico Canavese

Growth Plate Spine

La scoliosi progressiva non curata può avere effetti negativi sulla crescita spinale perché forze asimmetriche agiscono sulle piastre di crescita della colonna vertebrale (>130 piastre di crescita). La crescita spinale può essere considerata un misto di gerarchia, sincronizzazione e armonia: il minimo errore può condurre a una complessa malformazione; inoltre è un processo molto dinamico anche se non procede linearmente: periodi di accelerazione sono seguiti da periodi di rallentamento. La crescita residua è un fattore determinante per il peggioramento della scoliosi idiopatica (IS): più giovane è il bambino, più elevato è il rischio di progressione e più grave sarà la patologia. Dopo la nascita, la crescita spinale non è lineare ed è possibile individuarne tre periodi: (I) tra la nascita e 5 anni di età; (II) tra 5 e 10 anni di età; (III) tra 10 di età e la maturità scheletrica. La crescita della colonna vertebrale e della cassa toracica sono correlate, anche se non sincronizzate. Il controllo tempestivo della deformità e la sua correzione sono assolutamente necessari per ripristinare, al più presto possibile, l’armonia e la gerarchia di crescita tra le diverse piastre di crescita. Se l’azione viene procrastinata, la crescita anormale e le conseguenti modifiche anatomiche condurranno a un quadro clinico progressivo, evolutivo e irreversibile. Questo articolo ha l’obiettivo di fornire un esame complessivo del modo in cui le deformità spinali possono influire sulla normale crescita della colonna vertebrale e della cassa toracica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *