images1

Articles

Main Content

Nuove raccomandazioni sul calcio: La maggior parte delle persone può evitare le integrazioni di calcio, secondo esperti della prevenzione

Alle donne è stato detto per anni che se non assumono calcio assiduamente, si espongono al rischio di fratture menomanti del bacino. Ora la novità da parte di uno dei più importanti gruppi di esperti governativi: Perché preoccuparsi? Non c’è alcuna prova che l’assunzione di integratori di calcio riduca le fratture per la maggior parte delle persone, sostiene la U.S. Preventive Services Task Force. Queste raccomandazioni sono state pubblicate online lunedì dagli Annals of Internal Medicine. Questo si riferisce alle donne nel periodo post menopausa, gruppo target per i supplementi di calcio. “Non stiamo dicendo di non usarlo”, ha detto Linda Baumann, membro di questo gruppo e professore emerito di Assistenza Infermieristica presso l’Università di Wisconsin-Madison. “Ma pensiamoci su, perché non siamo sicuri che abbiano i benefici che gli si attribuiscono”. Il gruppo sostiene che assumere supplementi fino a 1.000 milligrammi al giorno di calcio e fino a 400 unità internazionali al giorno di vitamina D è inefficace per prevenire le fratture nelle persone sane, mentre aumenta leggermente il rischio di calcoli renali.

Questo è un po’ meno dei 1.200 milligrammi di calcio giornalieri raccomandati per le donne in post menopausa da un rapporto dell’Istituto di Medicina. Di più potrebbe essere meglio ha concluso il gruppo USPSTF, ma non c’è alcuna prova che sia vero. Il gruppo fornisce raccomandazioni indipendenti al governo federale sui rischi e i vantaggi delle cure. Rapporti come questo hanno sempre l’effetto di avvertimenti che suonano nel caso: Le raccomandazioni non si applicano a persone che hanno già l’osteoporosi o carenza di vitamina D. E il consiglio non si applica a persone oltre i 65 anni che sono a rischio di cadute. Il gruppo avrebbe voluto revisionare i dati per verificare se l’assunzione di calcio e di vitamina D in età giovanile può essere utile, Baumann ha detto a Shots. L’assunzione di calcio da parte degli adolescenti è pateticamente bassa, anche quando sono ancora nella fase di crescita. “L’altra cosa realmente poco chiara è la dose appropriata e il programma di dosaggio. Gli studi sui quali il gruppo ha lavorato riguardavano quanto la gente ne assume e quando. E poiché la maggior parte degli studi ha indagato sul calcio e la salute delle ossa nelle donne bianche, non ci sono dati affidabili per gli uomini e i gruppi minoritari. I supplementi di vitamina D sono diventati di moda di recente, promossi per prevenire il cancro, le malattie cardiache, e il diabete. Alcuni medici raccomandano fino a 50.000 IU per settimana. L’USPSTF sta svolgendo ricerche per verificare se la vitamina D ha influenza sul cancro, per cui aspettiamo per vedere i risultati. Un articolo di accompagnamento conclude: “Mentre siamo in attesa di risultati per ulteriori ricerche, i consigli prudenti e basati su prove dell’USPSTF dovrebbero incoraggiare i medici a riflettere con cura prima di prescrivere calcio e vitamina D a persone sane”. I supplementi di calcio non sono così di moda, ma alcune donne “stanno assumendo 3, 4, 5 pastiglie di calcio al giorno, ha detto Cliff Rosen, uno degli autori del rapporto 2011 IOM, e ricercatore dell’osteoporosi presso il Medical Center Research Institute del Maine. Assumerne tanto aumenta il rischio di calcoli renali del 17%, sostiene. E ci sono anche prove che i supplementi di calcio possono favorire le malattie coronariche. Il calcio nei cibi non sembra causare questi problemi, dice Rosen. Perciò il consiglio migliore per tutti, dagli adolescenti alle loro nonne, è di assumere calcio attraverso i cibi. “Un bicchiere di latte contiene 300 milligrammi di calcio. Tre bicchieri al giorno sono una dose sufficiente per non avere problemi”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Health on your hand